rotonda.it  alla scoperta del bicchiere mezzo pieno  
alla ricerca della felicitā, nelle cose semplici di una semplice vacanzata

HOME PAGE

PROGETTO
LIBANO

borse
foular


GIRAMONDO
FAI DA TE

Barcellona
Venezia
Cansiglio 


POESIA INEDITA
anonimo


DESIGN

CERAMICA
I cuchi di roberto

 

POETI DI STRADA
la vita
l'amore
l'odio
la morte

CROAZIA

                           
 Siamo arrivati a Fiume (Rijeka) in una mattina di sole con la temperatura sopra i 30 gradi. La destinazione era Pakostane , sotto Zara, perciō abbiamo abbandonato la superstrada per la statale adriatica.
La prima sorpresa č stato il mare e la costa.
Il mare  č una meraviglia di colore e di trasparenza, speriamo sappiano conservarlo.

Eravamo reduci da qualche brutta esperienza nel nostro bel paese e la sensazione  č stata la riscoperta di un acqua come l'avevamo lasciata 30 anni fā.

Le insenature ricor
dano la Sardegna ma il verde il Gargano.

 




A mezzogiorno la t
emperatura č salita e la fame anche. Facciamo sosta in piccolo ristorante prima di Senj dove si possono gustare dei calamari freschi e gustosi.

 

 

 

 

 


 

                                                                
A questo punto lasciamo l'adriatica per l'autostrada Zagrabia Spalato. E' un autostrada bella e sicura, con poco traffico e posti di ristoro perlomeno curiosi,come a Janice dove orsi e volpi ti aspettano per una partita a carte.





 

Usciamo a Benkovac e in poco tempo siamo a Pakostane. Abbiamo prenotato nel vecchio club Mediteranč, oggi gestito con lo stesso spirito.
Le capanne di paglia immerse nella pineta ci riportano indietro nel tempo ma la sensazione e di pace.
Finalmente abbiamo lasciato alle spalle la frenesia del progresso.