rotonda.it  alla scoperta del bicchiere mezzo pieno  
ricordi di tempi andati, pensieri a ruota libera.

HOME PAGE

PROGETTO
LIBANO

cappelli
borse
foular


GIRAMONDO
FAI DA TE

Barcellona
Venezia
Cansiglio 


POESIA INEDITA
anonimo


DESIGN

CERAMICA
I cuchi di roberto

POETI DI STRADA
la vita
l'amore
l'odio
la morte

 

 

 

SORELLE
Spuntavano le prime viole, quando nacque mia sorella.

Era l'anno millenovecentoquarantasette. La guerra era da poco finita. Incominciavano ora le ristrettezze economiche, ma la vita, quella vera, ricominciava.

Anche per me, bambina di tre anni, stava per iniziare una nuova fase. Fra qualche ora avrei avuto una sorella in pi¨ con la quale dividere le rare carezze di mia madre.

Io ero una bambina piccola piccola, scuri e dritti erano i miei capelli e la pelle colore oliva, coperta da una leggera peluria, mi facevano assomigliare ad una scimiottina.

Il ricordo di quella nascita Ŕ rimasto indelebile nel tempo. Quella sera, mamma and˛ a letto molto presto: Lei solitamente era l'ultima a coricarsi: a noi bambini fu detto che non stava bene. Il papÓ era molto agitato, saliva di continuo la stretta scala che saliva alle camere per ridiscendere poco dopo. Strano Lui era solito mantenere la calma in ogni occasione. Ad un certo momento egli si infil˛ la grossa giacca di velluto e and˛ a chiamare la zia Ines.

Zia Ines abitava a qualche chilometro dalla nostra casa; arriv˛ tutta trafelata, mantenendo per˛ il suo abituale portamento; testa alta, petto in fuori, rigida come uno stecco. Noi bambini l'immaginavamo come un grosso gallo impettito, sempre in guardia, pronto a difendere il proprio pollaio. In famiglia niente poteva sfuggire al suo controllo.
Quando ella arriv˛, noi bambini fummo mandati a letto; la sensazione che qualche cosa d' insolito stava succedendo ritard˛ il nostro sonno quella sera.

Il mattino, allorchÚ ci svegliammo il papÓ ci disse che era nata una sorellina.
Andammo tutti a fare la sua conoscenza. La mamma se ne stava ancora a letto, tenendo accanto a sŔ la piccola bimba.
Io rimasi in un angolo, ad aspettare che succedesse qualche cosa.
Quando la mamma si accorse di me mi chiam˛ accanto, per una carezza.

Crebbe molto bella, quella piccola sorella. I suoi capelli color castano, dai riflessi dorati si increspavano al tocco di  una carezza, la sua pelle bianca come il latte di mucca e le gote color rosa, creavano un piacevole contrasto, le sue piccole labbra sembravano due petali di rosa (diceva il papÓ) e la dolcezza con cui pronunciava le sue prime parole, conquistava tutti. Tutto in lei ispirava tenerezza.
Io per un poco me ne stetti nascosta nella sua ombra.

MONTI D'UMBRIA


TEMPORALE D'INFANZIA


AVIDITA'



PENSIERI MINIMI



BATOCCHIO



DISGELO


donna in nero